Galleria Sinistra
Galleria Destra
MERCATO DELL'ARTE
Condividi nei social network   

I tesori Fabergé


pubblicato il 11/07/2013 17:21:33 nella sezione "Mercato dell'arte"
I tesori Faberg

di Linda Coppi

Nel 1870 Peter Karl Fabergé rilevò la casa orafa del padre Gustav fondata a San Pietroburgo nel 1842, legando così il nome di famiglia all’immortalità delle loro opere. Da anni Gustav ed i suoi collaboratori godevano di una certa rispettabilità presso la corte russa, avendo restaurato per la famiglia reale diversi gioielli, ma il gusto raffinato del giovane Peter rivolto sia all’arte italiana che alle tecniche acquisite nei corsi di oreficeria svolti a Parigi, trasformarono il giovane artigiano nel maestro orafo più richiesto d’Europa, conteso tra le committenze della ormai vecchia nobiltà europea e la rampante borghesia industriale sempre più in ascesa. L’esposizione di Mosca del 1898 gli aveva infatti aperto le porte delle case delle famiglie più influenti di Russia, dove veniva introdotto con l’ambito titolo di orafo dello Zar Alessandro III, mentre l’esposizione universale di Parigi del 1900 gli conferì una notorietà internazionale, tanto che l’azienda dalle numerose dovette assumere ben cinquecento dipendenti per le sedi in Russia oltre ad aprire una nuova filiale della Maison Fabergé a Londra.
Fu proprio in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi che il grande pubblico europeo poté conoscere ed apprezzare l’oggetto più originale della Maison Fabergé, ovvero le famose uova realizzate per gli Zar Alessandro III e Nicola II, ogni anno in occasione della Pasqua.
La tradizione ebbe inizio nel 1885, quando lo Zar Alessandro III decise di regalare un uovo pasquale in oro e pietre preziose alla consorte la zarina Maria Fedorovna. Il suo successore Nicola II proseguì questa usanza, commissionando regolarmente uova di altissimo pregio per sua moglie e sua madre. Le uova, richiedevano un intero anno di lavorazione e prevedevano il contributo di una equipe di artigiani per realizzare i fantasiosi disegni preparati personalmente da Karl Fabergé. Tra il 1885 al 1917 furono 57 le uova realizzate, riconoscibili per l’abilità nel disegno e la ricercatezza delle linee, per l’altissima qualità dei materiali impiegati e la complessa elaborazione, che accosta pietre preziose e semipreziose, mai tagliate a brillante ma a rosetta o a cabochon e trasparentissimi smalti policromi su superfici in oro, argento e platino. Tecniche d’eccellenza che si ritrovano nelle piccole sorprese interne, come la stupefacente carrozza che si cela all’interno dell’uovo ‘’L’incoronazione’’, commissionato da Nicola II in vista della Pasqua del 1897 come dono per la moglie Alessandra Feodorovna in memoria della loro incoronazione avvenuta nell’anno precedente. In poco più di quattro centimetri Fabergé riprodusse fedelmente la carrozza con cui la coppia imperiale raggiunse la cattedrale di Mosca per prendere parte alla cerimonia religiosa. Stessa minuzia fu adottata per le sorprese come uccellini meccanici, miniature, perle ecc.
In seguito alla rivoluzione d’ottobre del 1917 Fabergé lasciò la Russia e si trasferì in Svizzera, a Losanna, dove morì nel 1920 e qui i suoi eredi, Alexander e Eugéne, fondarono nel 1924 una nuova azienda, la Fabergé & Cie, che nonostante il prestigio del nome a cui faceva riferimento non riuscì a godere della stessa popolarità e successo sul mercato, chiudendo vent’anni più tardi. Solo dopo la caduta del regime comunista in Russia, gli eredi di Karl Fabergé, riuscirono a riappropriarsi del marchio di famiglia, che nel frattempo era stato venduto e trasferito in America, riaprendo la storica bottega Fabergè di San Pietroburgo, e dove frattanto era cambiato il nome della piazza in cui essa sorgeva, dedicandola a Karl Fabrgé. Dai suoi laboratori ripresero ad uscire le famose uova, molte delle quali realizzate secondo disegni del sapiente artigiano, ritrovati in vecchi archivi.
Quanto vale un Fabergè
Oggetti unici creati da materiali preziosi e accurata lavorazione, sia le uova che i piccoli oggetti di oreficeria, portano in se un grande valore intrinseco, oltre ovviamente a quello economico. L’uovo intitolato ‘L’incoronazione’’ ha avuto diversi proprietari, sino ad essere venduto a Forbes per 2.160.000 dollari. Nell’ultima asta londinese un pendente in pietra dura, di poco inferiore ai 2 cm di altezza, è stato aggiudicato per circa 11.000 sterline ; mentre un piccolo contenitore in oro e smalti di ca. 6 cm è arrivato a 11.250 sterline. Nel giugno 2011 un pendente in platino e diamanti di ca. 3 cm fu aggiudicato per 15.000 sterline. Mentre il risultato più clamoroso fu toccato, da Christie’s, sempre nella capitale inglese nel novembre del 2007 per un grande uovo su basamento e con orologio e movimento automatico, aggiudicato a 8.980.500 sterline (ca. 14 milioni di euro). Come detto le uova imperiali contano una cinquantina di esemplari noti, molti dei quali conservati in musei o collezioni private internazionali. Per avere un’idea del loro valore, basta pensare che nel 2004 un magnate russo riuscì a riportare in patria ben 9, spendendo circa 100 milioni di dollari!
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi altri articoli dalla rubrica
La sede Bonhams di Los Angeles dedica unasta alla Pet Art
Dorotheum fa il bilancio di metà anno
Mercanti d’arte nel Granducato di Toscana al tempo dei Lorena
Porcellane cinesi: alcune indicazioni
Libri per bambini: L’arte di ’Illustrare’’ i sogni
Una settimana da Record nella sede londinese di Sothebys
Giade antiche indicazioni per collezionisti
L’Opera d’Arte Contemporanea: orientarsi nel valore commerciare!
liguria (genova) genova
Alla casa daste Wannenes: Gennaro Berger & Claudio Zanettin e il gusto antiquario
lombardia (milano) milano
Il Ponte Casa d’Aste: andamento del mercato per il primo semestre intervista alla dott.ssa Novarini
Cerca antiquari, restauratori e galleristi italiani
 
ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News
Record per molti artisti da tempo trascurati nellultima asta della milanese casa daste Il Ponte
La Berti Antichità di Firenze al MercanteinFiera: Intervista ad Anna Pennella
Prorogata a Trieste la mostra del pittore Fabio Colussi
A Trieste Laura Poretti interpreta lInveno Ungherese in FROZEN SHOTS  SCATTI CONGELATI
Aperte le selezioni degli artisti per la X Florence Biennale
Antiquariato
Il Ponte Casa dAste: giornate di valutazione tra Firenze Padova Modena e Roma
Il Ponte Casa dAste di Milano seleziona lotti singoli o intere collezioni
Le Edizioni Gonnelli: passione editoriale da due secoli.
Vuoi vendere mobili antichi quadri antichi ed oggetti d’antiquariato?
Vuoi Vendere oggetti antichi vintage o di arte contemporanea
Modernariato
Tra Arte contemporanea e antiquariato: la sfera del mondernariato
Raro Rolex venduto a Londra dalla Casa dAste Bonhams per 114.000 euro
Associazione Italiana del Giocattolo dEpoca e da Collezione
Da oggi va in asta a Wannenes di Genova il Design Italiano
Arte Contemporanea
Biennale internazionale darte  a Chianciano Terme
Intervista a Roberto Sottile curatore dellVIII edizione della Biennale Magna Grecia
Simbiosi: OpenArt tra natura e storia. Una grande manifestazione darte nella riserva naturale di Pietraporciana
Venezia XXIV Mostra Internazionale d’Arte Tessile Contemporanea  dedicata a Maria Lai
 A Gorizia la V Edizione del Concorso Internazionale di Pittura DARIO MULITSCH:
Arts & Crafts
Le cravatte di Livia Crispolti alla SLECTION D’T di Parigi
BRIO lazienda svedese di giocattoli compie 130 anni e li festeggia a Norimberga
Gli utenti di FaceBook diventano Giurati
Livia Crispolti: l’ultimo allievo della BauHaus
PRESENTAZIONE DEL TAVOLO IN COMMESSO REALIZZATO DALLOPIFICIO DELLE PIETRE DURE DI FIRENZE
Fiere e mostre
A Chianciano Terme la mostra 8 Donne per l8 marzo
Alla Gonnelli Casa dAste di Firenze la mostra ALFREDO MLLER. STAMPE TEMPERE E OLI
Al Palazzo Tucci di Lucca la mostra antiquaria A spasso nel Tempo
AllAccademia dUngheria in Roma: CROSSWISE!
A Chianciano Terme la mostra En Plein Air: Danzando con la scultura’’ di Giacomo Maria Cavina
Aste
Il Ponte Casa dAste di Milano programma le aste dautunno
Alla storica casa dAste il ponte arrivano in Asta le opere di Arte Moderna e Contemporanea
A Milano lAsta di Primavera de Il Ponte Casa dAste
Al Ponte Casa dAste di Milano la prima asta dellanno con forte ripresa per lantiquariato.
Fashion Vintage Arte Orientale e argenti a Il Ponte Casa dAste di Milano
Restaurare
Uffizi: nuovo restauro da Italia Nostra torna in Galleria l’Apollo seduto
Alla Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti presentazione del restauro dellopera di Elisabeth Chaplin Le tre Sorelle
 Il restauro ligneo secondo le regole dellarte
Palazzo Spinelli Istituto per larte e il restauro in Italia
Salvatore Settis su ’Caravaggio e L’antico’’
Mercatini
 A febbraio la XXIX edizione di Modenantiquaria tra tradizione e grandi novità.
Dedicata al Cinema la XX Edizione di Treviso Antiquaria
Fiera Antiquaria di Arezzo: Edizione Straordinari il 25 Aprile
Cerco Bambole Burgarella
Cerco: Bambole Lenci
Artisti
Ferdinand Van Kessel pittore olandese
Edolo Masci e il Clich-Verre
Aelita Andre: Arte o Arte del Marketing?
Giulio Cesare Procaccini (Bologna 1574-Milano 1625)
 Andrey Remnev: Visioni oniriche dell’arte contemporanea russa
Mercato dell'arte
Wannenes: eccellenti risultati dasta per larte Contemporanea ed il Design
Il Ponte Casa d’Aste: andamento del mercato per il primo semestre intervista alla dott.ssa Novarini
Giorni da record nelle aste di SOTHEBY’S
Il ponte Casa d’Aste di Milano: Importanti risultati nell’Asta di Arte moderna e Contemporanea
Il Ponte Casa dAste di Milano: interessanti vendite nelle aste di metà aprile