All'Arca di Vercelli la mostra italo - russo - elvetica «Kandinsky. L’artista come sciamano»
pubblicato il 01/04/2014 15:53:53
Vercelli - Arca
fino al 6 luglio 2014

"Si è aprta nel fine settimana all’Arca di Vercelli, la mostra «Kandinsky. L’artista come
sciamano». Ancora una volta Lugano è protagonista di un grande evento culturale. L’esposizione piemontese è infatti frutto di un progetto ideato in collaborazione con il Museo delle Culture

la Redazione

Fino al 6 luglio 2014, nello spazio espositivo realizzato dentro la trecentesca chiesa di S. Marco, saranno esposte alcune straordinarie opere di Wassily Kandinsky,l’artista che più di ogni altro fu la cerniera fra occidente e oriente. Opere attraverso le quali è svelato il percorso che diede vita alla nascita dell’astrazione.
La mostra è curata da Eugenia Petrova, direttrice aggiunta del Museo di Stato Russo di San Pietroburgo - la più vasta raccolta al mondo dedicata all’arte russa - su un progetto ideato in collaborazione con Francesco Paolo Campione, direttore del Museo delle Culture di Lugano e Claudia Beltramo Ceppi Zevi.
La rassegna, dal titolo L’artista come sciamano, si sviluppa intorno a 22 capolavori del padre dell’astrattismo, provenienti da 8 musei russi, accompagnati da dipinti di maestri dell’avanguardia russa e da uno straordinario nucleo di oggetti rituali delle tradizioni popolari e sciamaniche (appartenenti alla Fondazione Sergio Poggianella, la
stessa che custodisce una delle raccolte più ricche sull’argomento) praticate nelle lontane e sterminate regioni siberiane, da cui Kandinsky trasse profonde ispirazioni durante i suoi anni giovanili di studi etnoantropologici, e che contribuirono, insieme alle
tradizioni contadine russe allo sviluppo del suo percorso intellettuale verso l’astrazione come forma della spiritualità.
I lavori presentati a Vercelli appartengono prevalentemente agli anni che Kandinsky trascorse fra Monaco e la Russia, tra il 1901 e il 1922, anno in cui fu costretto ad abbandonare per sempre la Russia sovietica, che pure aveva sostenuto nei primi anni della rivoluzione, per accettare l’incarico offertogli da Walter Gropius di dividere con Paul Klee l’insegnamento al Bauhaus.
Il Museo delle Culture di Lugano, attraverso la collaborazione scientifica al progetto Kandinsky. L’artista come sciamano, prosegue il suo percorso di ricerca nell’ambito del rapporto tra antropologia e arte.
"Acquista il catalogo on-line il bigletto è omaggio


CLICCA QUI per entrare nello shop Mida Ticket e acquistare il catalogo al prezzo speciale di 32 euro (prezzo in mostra): avrai il biglietto d’ingresso alla mostra in omaggio! Il catalogo potrà essere ritirato presso la biglietteria della mostra.
Il catalogo acquistato on line che dà diritto all’ingresso omaggio può essere ritirato solo ed esclusivamente presso la biglietteria della mostra durante il periodo di apertura al pubblico.


Per info e prenotazioni della mostra e della attività didattiche:

Tel: +39 0161 04 00 35
>